Nettuno- SEL critica l’accordo di Chiavetta con l’UDC. Tammone: “Costruiamo un modello diverso di città”

La coordinatrice di SEL Nettuno Francesca Tammone

Come avevamo dichiarato in diverse occasioni, pensiamo che, la giunta amministrata da Alessio Chiavetta non ha segnato una vera discontinuità  nella gestione della cosa pubblica a Nettuno“. Giudica così l’operato della Giunta Chiavetta, Francesca Tammone coordinatrice del Circolo di Sinistra Ecologia e Libertà Nettuno, in un comunicato che ha come tema l’allargamento della maggiornza all’UDC.” Ora, arriva l’alleanza che allarga la maggioranza all’Unione di Centro, per essere precisi ad un gruppo politico trasmigrato da altre formazioni di centro destra. Sarebbe bello pensare ad un consociativismo delle buone intenzioni, purtroppo non si tratta di questo, sembra, piuttosto, un’ operazione dettata dalla necessità di alcuni di far parte di una maggioranza qualsiasi che possa varare un piano regolatore a loro misura. Altro che fare  l’interesse dei cittadini! – Continua la segretaria di Sel– Ormai dentro la maggioranza c’ è tanto della vecchia storia politica della città, una storia triste, di poca trasparenza e di pochi che si avvantaggiano senza rispetto per la cosa pubblica. Aspettavamo un cambiamento, aria nuova e trasparenza , ma nelle stanze del palazzo, dove si firmano accordi politici come fossero sedi di partito, c’è aria viziata, sembra che le finestre non siano state aperte da trent’anni. Siamo convinti – conclude la Tammone– che nella città di Nettuno occorra costruire un modello diverso della gestione amministrativa, una città diversa  per il bene di tutti  per un miglioramento della qualità della vita,  per questo siamo disponibili al dialogo con tutti quelli che condividono il nostro pensiero di “città  vivibile” per costruire finalmente un nuovo ciclo positivo della storia della città.