Aprilia. Dalla “Città degli alberi” il ricordo di Vittorio Casoni

Quando l’assessore all’Ambiente ha accettato, abbiamo fatto di tutto per potertelo dedicare nella giornata
della Festa dell’Albero, non poteva essere un giorno qualunque. Ora finalmente, Vittorio Casoni, hai ottenuto un ringraziamento dalla tua città!
Veramente non era ancora una città nel ’37, quando vi mettesti piede, solo una pietra di fondazione su cui poggiare una storia, non sempre bella, come il nome avrebbe fatto sperare. Però era partita bene: tutti si prendevano cura di tutto, della terra in tutte le sue stagioni, delle persone, dei bambini, degli alberi, delle
viti, del grano e degli olivi, come quelli della tenuta di mio nonno a Campoleone…
Poi il boom economico e tutto il disastro che si è trascinato dietro.
Credo che a Vittorio non debba esser parso vero che, ad un certo punto, piantassero un bosco proprio qui,
nel cuore della trasfigurata cittadina industriale, tutta ferro e cemento, e decise di adottarlo come se fosse
la creatura più bella del mondo, curandolo e dissetandolo, fino a farlo diventare fitto e grande. Poi, nel
silenzio, come era arrivato, se ne andò. E la cura per il nostro polmone verde venne meno, con lui. Questa è la storia minore che Gianni Battistuzzi ci racconta di te. Una storia bella come poche, qui ad Aprilia.
Oggi, 21 novembre 2020, Vittorio, ti abbiamo ringraziato, come ha tenacemente voluto Gianni, come
avrebbe desiderato farlo da lungo tempo, davanti ai tuoi figli, alla tua città, ai tuoi nipoti. Certo, il destino ha voluto che dopo tanti anni di inutili attese, tu abbia ricevuto l’autorizzazione ad essere ricordato proprio in tempi di emergenza. Ma siamo contenti ugualmente; prima o poi finirà e potremo riunirci di nuovo,
questa volta davvero in tanti, a raccontare ai nostri figli che con acqua e amore si crescono le foreste e la
speranza. Quella che l’incuria e il degrado, l’avidità e l’incompetenza ci stanno minando alla radice. La tua
Aprilia, terra fertile e prodiga, mitigata dalla brezza di mare e dalla frescura dei monti, prima trasformata in polo industriale senza alcuna attenzione per la salute, poi in un polo di rifiuti e veleni seppelliti ovunque o dispersi in aria. Che inferno abbiamo lasciato in eredità ai nostri figli! Solo l’eredità che ci hai lasciato tu potrà riportare salute e bellezza, i tuoi amati alberi.
Hanno raccolto questa sfida contro il tempo un amico artista-musicista di
Roma, Giancarlo Federico, che, appena Gianni ci ha dato la buona novella,
ha subito preparato un bozzetto della scultura e poi ha anche realizzato
una colonna sonora per l’inaugurazione, eseguita con il BLACKBIRD
(uccellino di beatlesiana memoria), shekerè vari, agogo, darabuk,
tamburelli, piatti, sonagli e suoni di grilli , cicale, pioggia, tuoni, a rappresentare la rinascita, il ciclo della vita, che gli alberi vivono nel loro silenzio musicale. Sulla quale traccia, la giovane pianista Marina Zeppilli, nipote di Gianni, ha improvvisato un sound melodico, che segue le 4 stagioni partendo dall’estate
fino alla nuova primavera. Questa colonna sonora ha accompagnato
l’installazione e la piccola cerimonia inaugurativa.
Quindi la targa, incisa in tempi da record dal signor Rino Savini.
E, infine, il capolavoro realizzato in 4 giorni da Giuseppe e Dionisio De Min,
fedelissimo alla mia rielaborazione in scala del bozzetto di Giancarlo: la
scultura-albero stilizzato, che racchiude in sé il tuo piccolo grande mondo,
Vittorio:
– la spirale, germoglio di vita che si sviluppa e si espande dal seme, come la
nostra galassia;
– il gatto, simbolo, ancestralmente divinizzato, della natura indomita,
urbanizzata;
– il millepiedi/bruco, l’humus vitale della terra, ma anche primo stadio di una
futura farfalla, quale bellezza e metamorfosi di libertà, quella che ci attendiamo ad Aprilia;

le campane tubolari, per ricreare la musica delle fronde carezzate dal vento, il richiamo di una
Natura che abbiamo scacciato da qui;
– l’innaffiatoio, immagine dell’amore e della cura quotidiana di Vittorio per le piante del parco;
– l’uccellino sul ramo, melodica unione tra il Cielo e la Terra, che solo gli alberi possono garantire.

Per La Città degli Alberi
Rosalba Rizzuto