Cretarossa, il Comune non taglia l’erba. Provvede un cittadino di tasca sua

Ci risiamo. Arriva l’estate, le persone scendono in spiaggia in uno dei pochi tratti liberi del quartiere Scacciapensieri, a largo De Franceschi, e al degrado non c’è fine. Ancora una volta dopo ripetute segnalazioni in Comune da parte dei residenti di via Eolo affinché venisse tagliata l’erba – alta circa un metro – nello spiazzo che affaccia sul mare, è stato il proprietario del bar Zodiaco a pagare la pulizia di tasca propria. “Stanco di questo degrado nel nostro quartiere ho chiamato un giardiniere che provvisto di decespugliatore ha dato una pulita all’area verde che era in stato di abbandono dai mesi invernali. Gli ho pagato la giornata di tasca mia, per avere un minimo di pulizia. Le fratte erano diventate altissime, con il pericolo di vipere e insetti. La spiaggia libera in questo periodo è frequentatissima, è possibile che per la seconda volta devo essere io a provvedere alla pulizia?”.