Nettuno, terzo mondo nella scuola di Santa Barbara

Sono sul piede di guerra i genitori degli studenti che frequentano la scuola materna ed elementare di Santa Barbara, a Nettuno, alle prese con degrado e situazioni da terzo mondo. Diverse le criticità che riguardano la struttura, a partire dall’esterno dell’edificio, dove strada e area parcheggio versano in condizioni pietose. Un vero e proprio pantano quello che sono costretti ad attraversare i genitori per accompagnare i propri figli in aula, specie durante la stagione delle piogge.

“Attualmente per portare i bambini a scuola siamo costretti a “guadare” le pozzanghere o a fare il salto dell’ostacolo – racconta una mamma, che rappresenta il malcontento di tanti genitori – neanche fossimo nella giungla. I problemi nella scuola sono tanti ma il degrado in cui versa l’area esterna della scuola sta raggiungendo livelli mai visti”.

La strada è attraversata da voragini che ad ogni acquazzone peggiorano e rendono impraticabile il viale. “Tutti gli interventi di manutenzione effettuati fino ad oggi sono stati nulli, non sappiamo più a chi rivolgerci per far sì che i nostri figli possano frequentare una scuola che versi in condizioni decenti”.

Nel tempo sono state anche raccolte delle firme per l’amministrazione comunale, con risultati anche in questo caso nulli. “Abbiamo portato il problema all’attenzione del Comune più di una volta – continua la mamma – ma siamo sempre al punto di partenza. Chi deve occuparsi della manutenzione? Per quanto ancora i nostri ragazzi dovranno camminare tra le pozzanghere?”.

Il cortile della scuola di Santa Barbara non è l’unico alle prese con allagamenti e buche. Di recente anche i genitori degli studenti della Sacchi di Nettuno, in via Capitan Canducci, hanno lamentato una serie di disagi per l’area esterna dissestata e i conseguenti disagi dovuti a piogge e buche.