Anzio. Caro Sindaco: “Perchè allo Zodiaco i lavori di riqualificazione iniziati, sono poi stati sospesi?”. La protesta dei residenti

Caro Sindaco come lei sa “degrado porta degrado”

Il piano di riqualificazioine del quartiere Lo Zodiaco venne annunciato nel dicembre del 2018 dal Consigliere Maranesi. Nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche approvato a fine anno dal Consiglio Comunale, era stato inserito un intervento per la riqualificazione urbana del quartiere Zodiaco con uno stanziamento totale 600 mila euro.

Nel luglio del 2020, anche se con molto ritardo finalmnete sono iniziati i lavori. Su via dell’Acquario. Hanno tolto gli alberi, scavato delle buche sui marciapiedi, messo delle reti e li si sono fermati. “Da diverse settimane non si vede un’operaio al lavoro- denunciano arrabbiati i residenti– se si inizia un lavoro occorrebbe portarlo a termine. Anche perchè ora il marciapede è impraticabile e con le buche rischiamo di farci male, oppure siamo costretti a camminare in mezzo alla strada rischiando di essere investiti“.

A questo si aggiunge il fatto che il degrado in cui versa la strada induce alcuni maleducati a gettare comuli di rifiuti: materassi, sacchi di immondizia abbandonati agli angoli delle palazzine, che nessuno si degna di rimuovere. Quello dell’abbandono dei rifiuti, però, è un problema che caratterizza tutti i quartieri periferici della città.

Ma in quartiere difficile, dove alcune palazzine sono abitate da occupanti abusivi e dove l’illegalità può trovare terreno fertile, ci sono anche tanti residenti che cercano di opporsi al degrado mettendo a disposizione tempo e denaro per abbellire le vie del quartiere. Come ha fatto recentemente il Comitato “Il Progetto” che attraverso il volotantariato dei partecipanti ha risistemato il giardinetto sotto al cavalcavia: ripitturando i vasi, rifacendo le aiuole, rimettendo il terriccio e le piante, annaffiando gli alberi.

A ragione gli abitanti dello Zodiaco si sentono abbandonati a loro stessi.  Basta uno sgurdo e ci si rende conto che si tratta di una zona -seppur densamente abitata- abbandonata al degrado, nel completo disinteresse del Comune di Anzio.

Quello che chiedono i residenti oggi al Sindaco De Angelis è: “perchè c’è voluto così tanto tempo per iniziare i lavori e una volta iniziati, rotti i marciapiedi,  i lavori sono stati  interrotti senza un motivo”?  lo diciamo subito: la scusa che prima c’era il covid, ora è estate e c’è la pausa estiva, oltre che scontata, sarebbe poco credibile.