Carlo Verdone sulla campagna di prevenzione della città di Anzio

“I dispositivi contro il virus sono fondamentali, felice di rappresentare l’iniziativa della Città di Anzio”. Così il regista, attore e sceneggiatore, Carlo Verdone, Cittadino Onorario di Anzio, che sta brillantemente superando i postumi del delicato intervento chirurgico a tutte e due le anche, commenta la decisione dell’Amministrazione Comunale di Anzio relativa al restyling, “soltanto grafico”, del murale di Piazza I Maggio, che lo ritrae insieme al grande Roger Waters, anche lui Cittadino Onorario anziate, per il messaggio di sensibilizzazione sull’importanza dell’uso della mascherina.

“Mando un fortissimo abbraccio social al Sindaco, Candido De Angelis, a tutti i miei concittadini ed agli amici di Anzio – prosegue Carlo Verdone -. Non potrò mai dimenticare la giornata del 30 agosto 2019 e le forti emozioni di quella sera, insieme ad oltre duemila cittadini ed ai miei affetti più cari. Il covid ha purtroppo cambiato la nostra vita ed oggi sarebbe utopistico soltanto immaginare una serata del genere, altro che assembramento… Spero tanto di tornare presto e di portare il mio umile contributo alla nostra Anzio”.

Carlo Verdone, che lo scorso mese di agosto si era reso disponibile a supportare l’azione del Comune di Anzio per la complessa opera di ristrutturazione dell’edificio liberty Paradiso sul Mare, scenografia dei film di Fellini e Sordi, interviene anche rispetto al finanziamento statale dell’opera: “È un primo passo importante, compiuto dal Sindaco De Angelis e da tutte le Istituzioni preposte, salutato con vero piacere da chi, come me, ha trascorso gli anni più belli lungo la Riviera Zanardelli e da tutti gli appassionati di cinema, visto che il Paradiso sul Mare è stata l’immagine simbolo scelta dal Maestro Fellini per la copertina del suo Amarcord. Appena mi sarò ristabilito, sosterrò il progetto pubblico del Sindaco per il recupero dello storico edificio, pietra miliare del cinema e simbolo degli straordinari anni ’60 nella mia amata Anzio”.