Roma. Impicca il cane ad un albero, “era diventato ingestibile”

L’uomo ha impiccato il cane, di proprietà di due amiche, a un albero a un’altezza di 6 metri da terra

Ha impiccato un cane a un albero e, subito dopo, ha brandito una sega verso un agente della polizia penitenziaria che notando la scena era intervenuto nel tentativo di salvare l’animale. Per questo un uomo di 65 anni, originario di Oristano, è stato denunciato dalla polizia. L’episodio è avvenuto il 19 giugno nel parco di via dei Lodigiani, alla periferia di Roma, ma è stato reso noto oggi.
L’animale -si sono giustificati- era diventato negli ultimi tempi “feroce e ingestibile”. L’uomo è poi fuggito in auto, mentre le donne avrebbero cercato di impedire di far prendere il numero di targa. Rintracciato, è stato denunciato per uccisione di animali, resistenza e minacce a pubblico ufficiale. Le due donne, invece, per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale e favoreggiamento. La sega e la corda sono state sequestrate dalla polizia scientifica.

Fonte agenzia Ansa  www.ansa.it