“L’ennesimo annuncio dell’imminente avvio dei lavori per il porto si scontra con una serie di mancanze rispetto all’accordo di programma tra Regione Lazio e Comune di Anzio e della concessione da parte della Capo d’Anzio.

“Abbiamo presentato un’interrogazione a risposta scritta – dicono Anna Marracino e Lina Giannino, consigliere del Pd – nella quale poniamo 12 domande che ci auspichiamo il sindaco voglia chiarire a stretto giro”

Queste le richieste:
1) Sono state avviate le procedure per l’affidamento della progettazione esecutiva e dei lavori per l’esecuzione delle opere?
2) Sono stati ottenute tutte le altre concessioni, autorizzazioni, permessi, nulla-osta e simili come stabilito dall’art. 9 della concessione?
3) La Capo D’Anzio S.p.A. in adempimento a quanto dichiarato nella missiva del 03.02.2014 ha compiuto le seguenti attività: “- la predisposizione in house della progettazione esecutiva – la valutazione di ottemperanza alle prescrizioni del Decreto VIA – il conseguimento delle correlate autorizzazioni” ?
4) Stante il ritardo nell’esecuzione dei lavori, anche a seguito della concessa proroga del 02.07.2014, la Regione Lazio ha sottoposto la Capo D’Anzio S.p.A. alla penale di € 300,00 giornalieri ex art. 5, 6° cpv della Concessione?
5) Stante la consegna finale delle aree demaniali marittime del 02.07.2014 e stante l’inizio della gestione lucrativa della concessione, a quanto ammontano i canoni ad oggi percepiti dalla Capo D’Anzio S.p.A. dagli attuali utilizzatori?
6) Stante la consegna finale delle aree demaniali marittime del 02.07.2014 e stante l’inizio della gestione lucrativa della concessione, a quanto ammontano i canoni ad oggi versati dalla Capo D’Anzio alla Regione Lazio?
7) vi sono state le verifiche semestrali da parte della Regione Lazio e/o della Commissione di collaudo al fine di verificare il rispetto del cronoprogramma della fase di cantiere ex art. 6 della concessione?
8) Sono redatti verbali relativi alle verifiche semestrali ex art. 6 della Concessione?
9) Sono state previste le sanzioni così come stabilito dall’art. 6 della Concessione per garantire il rispetto del cronoprogramma?
10) sono state applicate le sanzioni di cui al punto 9)?
11) E’ stata ottenuta la polizza fideiussoria a garanzia del pagamento dei canoni ex art. 7 dell’atto concessorio?
12) E’ stata consegnata alla Regione Lazio la polizza fideiussoria a garanzia del pagamento dei canoni ex art. 7 dell’atto concessorio, come richiesto dalla Regione Lazio in sede di verbale del 18.01.2012 e successivamente del 02.07.2014?

Singolare, infine, quanto avviene nel bilancio consuntivo del Comune che inserisce nel fondo “crediti di dubbia esigibilità” la famosa fidejussione rilasciata da parte dell’ente a garanzia della Società Capo d’Anzio, della quale evidentemente non si fida”.