Divina Provvidenza e trasporto disabili. A Nettuno si procede… a passo di gambero

“A Nettuno si procede come i gamberi, all’indietro, chiudendo strutture, togliendo spazi e sopprimendo servizi.

Il Commissario raccoglie i frutti dell’insipienza della giunta Casto e a farne le spese sono le fasce più vulnerabili della popolazione: disabili, giovani, anziani.

Dopo che la giunta dei grillini aveva dato ampia dimostrazione di incapacità, arrivando alla chiusura di diversi impianti sportivi, oggi la gestione commissariale non può che procedere con ulteriori provvedimenti di chiusura e sospensione di servizi.

A farne le spese sono il Centro Anziani e le associazioni culturali che sono ospitate presso la Divina Provvidenza. Il Centro Anziani, che era riuscito a rinascere prima dell’avvento di Casto, si è visto recapitare un’ordinanza di sgombero senza nessun preavviso e senza nessuna risposta sul futuro.

Il servizio di trasporto disabili, che da anni garantisce a tante famiglie di potersi avvalere della rete di centri gestiti dalle associazioni di volontariato, è stato sospeso per diversi utenti per mancanza di mezzi e personale, senza che in questi ultimi anni ci si sia minimamente preoccupati di garantire la continuità del servizio.

Il governo del cambiamento a Nettuno ha dimostrato di essere solo capace di cambiare in peggio, scegliendo la strada dell’interruzione dei servizi.

Il Partito Democratico di Nettuno sostiene le legittime ragioni delle associazioni, del centro anziani, delle famiglie dei diversamente abili e delle strutture di volontariato che le supportano.

Ci appelliamo al Commissario affinché tenga, come noi, in grande considerazione l’operato di questi anni in favore della comunità che le associazioni hanno portato avanti e la necessità di salvaguardare il patrimonio di promozione sociale che non può essere disperso per l’insipienza di chi, per paura di sbagliare, ha evitato di fare e di governare una città”.

Così in una nota il Pd di Nettuno.