Litorale, Mattia: “Coi 30 milioni per spiagge laziali si risolva situazione pescatori Anzio”

“I soldi stanziati nell’ultima giunta regionale per il litorale laziale rappresentano una risposta importante alle difficoltà di quei territori che hanno nel mare una delle principali risorse.

Nel piano di difesa integrata delle coste, inserito nella delibera dell’assessore alla tutela del territorio, Mauro Alessandri, sul programma generale per la difesa e la ricostruzione dei litorali, gli enti locali vengono coinvolti nel monitoraggio, tutela, manutenzione e movimentazione dei sedimenti derivati da porti e foci attraverso il sostegno nell’acquisto di attrezzature per il dragaggio. Nel programma triennale, che prevede fondi per complessivi 30 milioni di euro su circa 220 chilometri di coste, c’è una fase di individuazione delle zone di rischio per definire interventi che siano risolutivi e durino nel tempo”.

Lo dichiara Eleonora Mattia (Pd), presidente della IX Commissione consiliare regionale, che precisa: “Tra i primi interventi previsti, per il ripascimento delle spiagge e la tutela delle coste, ci sono 2 milioni e 300 mila euro per le Saline di Tarquinia, 650 mila euro per il Lido del Carabinieri, a Fiumicino, 2 milione e mezzo per il ripascimento delle scogliere di Ostia, 2 milioni e 300 mila euro per Tor Caldara ad Anzio, 5 milioni e mezzo da Foce Verde a Capo Portiere”.

“L’incredibile episodio di due giorni fa ad Anzio – sottolinea la Mattia – dove due pescherecci sono stati costretti a trascorrere la notte al largo, a causa del rischio di insabbiamento nel rientrare al porto, è il campanello di allarme che in questo ambito bisogna intervenire in fretta. Anche perché, proprio ad Anzio, i pescatori hanno urgente bisogno che si faccia l’escavo del bacino portuale affinché possano svolgere il loro lavoro con la massima serenità”.