Interrogazione parlamentare di Silvestroni: Migranti ad Anzio e Nettuno in piena pandemia

“Forse sarebbe stato “normale”e forse non se ne sarebbe accorto nessuno di qualche trasferimento di immigrati e di 50 extracomunitari in più tra Anzio e Nettuno. Sarebbe stato “normale” anche non dire nulla, o quasi, ai sindaci e alle amministrazioni locali.
Io dico che non era normale prima ed è assurdo adesso, spostare, ricollocare, trasferire immigrati da un centro d’accoglienza all’altro, quando è in corso una pandemia mondiale con l’Italia che è la Nazione al mondo con più vittime da coronavirus e con una popolazione intera trincerata nelle proprie abitazioni.
Il rispetto dei protocolli, di tutte le procedure e delle direttive sanitarie, che le amministrazioni di Anzio e Nettuno stanno giustamente chiedendo a garanzia della salute pubblica, non saranno mai sufficienti se le prefetture e il ministero dell’interno non capiscono che è inopportuno oltre che imprudente, lo svolgimento di tali operazioni in un momento di estrema fragilità sociale come quello che stiamo affrontando. Una situazione che la Lamorgese avrà modo di chiarire rispondendo alla mia interrogazione parlamentare”. Lo dichiara l’Onorevole Marco Sivestroni deputato del collegio.