Meetup MovimentiAmo Anzio contro la lista di Pollastrini: “Irregolarità e nessuna risposta”

“Come tutti sapranno la lista del portavoce uscente Cristoforo Tontini del M5S Anzio non è stata certificata, di seguito abbiamo scoperto che la lista certificata con candidata a sindaco Rita Pollastrini del meetup Grilli di Anzio, presentava alcune irregolarità nei requisiti, Alessio Guain essendo stato candidato alle parlamentarie non avrebbe dovuto candidarsi in nessuna consultazione nel 2018, Fabio De Nicola essendo stato candidato con la Lega alla camera nel 2013 non avrebbe potuto perchè dal 2009 in poi,chiunque fosse stato candidato contro il M5S a qualsiasi livello, non poteva candidarsi, e Mariateresa Russo, in quanto referente area 6 della provincia di Roma non si sarebbe potuta candidare”. Lo dichiarano dal Meetup MovimentiAmo Anzio. “Da qui abbiamo letto di ripercussioni legali da parte dei certificati Grilli di Anzio e di fango gettato su di loro, ma al dunque abbiamo visto l’uscita dalla lista di Fabio De Nicola, quindi, la violazione c’era, e la certificazione data presentava dei requisiti non conformi a quelli richiesti.

Ora secondo lo statuto M5S all’ art 11 dove prevede provvedimenti disciplinari in caso di violazione delle regole e procedure per la presentazione e selezione delle candidature, ci aspetteremmo che il Movimento intervenga e che ci saranno conseguenze.

Ci saranno? Non lo sappiamo, sappiamo però che avevamo già segnalato tutto precedentemente alla certificazione i Grilli di Anzio allo staff, non solo per i loro vari atteggiamenti contrari allo Statuto M5S e alle decisioni prese dal Movimento, ma anche la candidatura nella Lega di Fabio De Nicola; e ora ci domandiamo, come ha fatto lo staff a dare la certificazione nonostante la segnalazione fatta in precedenza? Addirittura, non ha visto la candidatura di De Nicola?

Nel frattempo, abbiamo informato lo staff e i portavoce, ma nessuno ci ha risposto o dato spiegazioni, nonostante anche la stampa nazionale si sia interessata alla questione.

Allo stato attuale sappiamo che i Grilli di Anzio avevano affermato pubblicamente che per la certificazione sarebbero stati coinvolti i portavoce di riferimento sul territorio, cosa non prevista dallo statuto, quindi a cosa e a chi si riferivano?

Successivamente la candidata Rita Pollastrini ha richiesto anche un eventuale supporto al portavoce uscente Cristoforo Tontini e al nostro gruppo, quindi considerate tutte le dichiarazioni e gli atteggiamenti passati non solo verso il portavoce uscente ma anche verso noialtri in tutti questi 5 anni, abbiamo pubblicato una serie di richieste di chiarimenti e delucidazioni in base a tutto quello che loro hanno detto su di noi alla cittadinanza.

Abbiamo richiesto che raccontassero il vero motivo della scissione dei meetup nel 2013, le loro riunioni segrete contro il portavoce e gli altri attivisti, le loro cancellazioni di vari post sul meetup I Grilli di Anzio, tutto ciò in contrasto alla trasparenza e democrazia tanto professata e richiesta agli altri, le loro dichiarazioni con cui vari cittadini erano convinti che il portavoce avesse impedito di mandare la giunta comunale a casa nel 2014 , accuse di accordi contro di loro, comunicati modificati appositamente per screditarci, ecc. Tutte affermazioni e accuse che non hanno mai avuto riscontro nella realtà.

Richieste legittime non tanto verso di noi, ma soprattutto verso i cittadini, in quanto chi vuole rappresentarli deve dimostrare di sapersi guadagnare il voto, perchè i cittadini non sono strumento di voto, il voto non è un atto dovuto, il cambiamento non è con gli slogan, ma con le azioni, il fare.

Ma anche qui nessuna risposta.

Ora noi continueremo a chiedere la revoca della certificazione perché non conforme ai requisiti, chiedendo il rispetto dello statuto che noi abbiamo sempre osservato, dato che forse non tutti lo sanno ma la presenza di un meetup non prevede necessariamente la certificazione della lista, come successo anche in altri comuni, sia ora che in passato, perché ci vuole coraggio a mettersi in gioco, ma ce ne vuole molto di più a mostrare coerenza quando non si hanno i requisiti per farlo.

Chissà che il tempo non ci dirà o ci darà le risposte…….forse!?”