Lettera al sindaco su affissioni illegittime di Forza Nuova e Casa Pound

Riceviamo e pubblichiamo

foto web

Egregio Sindaco
Da rappresentante di Rifondazione Comunista e Potere al popolo, vorrei segnalare alla S, V. la presenza frequente lungo la maggior parte delle plance su strada di Anzio, di manifesti e cartelloni politici di Casapound e Forza Nuova abusivamente affissi. Tali manifesti occupano anche aree non adibite all’affissione e alla propaganda, danneggiando il decoro della città. Tali affissioni violano ogni norma di civiltà e di buon senso e si configurano come un tentativo di occupare ogni spazio di propaganda, in barba al rispetto della democrazia e delle regole. Ricordo che è illegale qualsiasi affissione abusiva e oltremodo ammiccante alla simbologia razzista e neo-fascista.
Ora, che tali liste siano state ammesse nella contesa politica, pur violando le disposizione costituzionali che vietano qualsiasi ricostituzione del disciolto partito fascista, è cosa di per sé grave che dovrebbe gettare in allarme qualsiasi istituzione democratica. Tale responsabilità non ricade di certo sulla Sua persona ma, che queste forze violino ogni regola della competizione in cui sono state inopinatamente ammesse, è questione che Lei non può ignorare. La modalità con cui tali forze stanno occupando lo spazio propagandistico conferma la loro vocazione autoritaria e antidemocratica, trasformando la contesa elettorale in una zuffa che poco ha a che fare con la democrazia. Anzio, la nostra amata città, medaglia d’ora al merito civile, non può essere una zona franca dove alcuni personaggi siano lasciati liberi di cavalcare strumentalmente l’onda della rabbia e dell’ odio cittadino, a fini eversivi e razzisti. Il fatto che Il ministero abbia purtroppo consentito a queste forze di partecipare alla competizione elettorale, non significa che non debbano rispettare le regole comuni e sospendere di fatto la democrazia.
Facendo appello alla Costituzione, alle leggi nazionali e al regolamento comunale, chiediamo, quindi la salvaguardia, prima delle norme in vigore per il caso specifico, poi della immagine pubblica che la nostra bella città deve conservare, provvedendo alla immediata rimozione dei manifesti abusivi. Chiediamo inoltre la salvaguardia degli spazi elettorali assegnati e, qualora non l’abbia ancora fatto, a sollecitare il Ministero degli Interni ad assegnare questi ultimi, colmando la gravissima inadempienza all’origine di questi intollerabili abusi.

GRAZIE
IN FEDE
Umberto Spallotta
Segretario Prc Anzio/Potere al popolo