Unicivica: online l’ordine degli studi. Iscrizioni dal 10 settembre

“La nostra nave finalmente ha preso il largo. Siamo davvero orgogliosi di annunciare che è stato pubblicato oggi, in formato digitale, l’Ordine degli studi per l’Anno Accademico 2018-2019, reperibile sul nostro sito internet al linkhttps://unicivicanettuno.wordpress.com, unitamente al modulo di iscrizione, facilmente scaricabili ed a breve sarà disponibile anche la versione cartacea.

Dopo aver riavviato un importante Ente storico per la città di Nettuno, attraverso la realizzazione di conferenze tematiche ed eventi pubblici, dopo otto mesi di duro lavoro per la riorganizzazione della struttura anche dal punto di vista amministrativo, è finalmente a disposizione di tutti i cittadini l’ offerta formativa per il nuovo Anno Accademico.

Nell’Ordine degli studi i cittadini potranno trovare, come da tradizione, gli orari, i giorni ed i programmi dei corsi oltre ai curricula sintetici dei nostri docenti, selezionati, ricordiamolo, mediante un avviso esplorativo per manifestazione pubblica di interesse.

Le iscrizioni ai corsi si potranno effettuare dal 10 Settembre 2018 al 3 Ottobre 2018 compilando il modulo  ed allegando copia della ricevuta di pagamento. 

La novità, rispetto agli anni precedenti, è costituita inoltre dall’area dell’aggiornamento professionale, non presente sull’Ordine degli studi,  con una offerta di corsi destinata ai dipendenti pubblici degli enti locali che nei prossimi giorni sarà inviata ai Comuni del litorale sud di Roma e dei Castelli Romani. Inoltre la Direzione ha strutturato un cartello programmatico, da Ottobre 2018 a Maggio 2019, ricco di eventi culturali e ricreativi gratuiti aperti a tutti. E tante saranno le sorprese che abbiamo ancora in serbo.

Invitiamo i cittadini a consultare il nostro sito internet e la nostra pagina facebook per le informazioni sugli orari osservati dalla segreteria  e sulle modalità delle iscrizioni.

Vi aspettiamo”. Così in una nota il Presidente Dott. Roberto Fantozzi e il Direttore Dott.ssa Chiara Di Fede.