Home Attualità Anzio. Si è spenta la professoressa Maria Antonietta Lozzi Bonaventura, donna di grande spessore umano e culturale

Anzio. Si è spenta la professoressa Maria Antonietta Lozzi Bonaventura, donna di grande spessore umano e culturale

0
Anzio. Si è spenta la professoressa Maria Antonietta Lozzi Bonaventura, donna di grande spessore umano e culturale

Si è spenta questa mattina, all’età di 87 anni, la professoressa Maria Antonietta Lozzi Bonaventura, lo hanno annunciato con breve comunicato la figlia Silvia e il nipote Gabriele.

Maria Antonietta se ne è andata stamattina. Ha deciso di cominciare il suo nuovo percorso di mattina presto, come era solita fare con le sue giornate.
Per chi volesse salutarla insieme a noi, faremo una cerimonia di saluto domani mattina alle 11:30, al Cimitero comunale di Anzio”. Silvia e Gabriele

La professoressa Maria Antonietta Lozzi Bonaventura, esperta di storia dell’arte, dell’ambiente e del territorio, animatrice culturale, ex insegnante di scuola superiore, donna di grande spessore umano e culturale, autrice di numerose pubblicazioni dedicate a Roma e al Lazio. Inoltre ha curato o partecipato all’organizzazione di importanti convegni, fra i quali: “Nerone, il suo porto e l’archeologia subacquea” (2001, atti pubblicati nel 2003); “Un Parco archeologico marino per la Villa di Nerone” (ottobre 2006, atti in via di pubblicazione), “Subiaco la culla della stampa” (Anno Internazionale del Libro 2006-2007); “Le Carte archeologiche di Anzio e di Nettuno” (dicembre 2007, atti pubblicati nel 2008). Ha inoltre organizzato le prime visite guidate alla Villa Imperiale di Anzio (Villa di Nerone) nel 1997.
Ha tenuto corsi dell’Università Popolare Europea presso i Comuni di Anzio e di Nettuno e corsi di aggiornamento per docenti delle scuole medie e secondarie sulla storia del territorio; fra gli argomenti trattati: “Il territorio, le sue memorie culturali, i suoi beni artistico-ambientali come testimoni della sua storia: le testimonianze archeologiche e monumentali della storia del territorio anziate”; “Abbazie, boschi, castelli nell’Agro Pontino”.

Il direttore e la redazione di Inliberauscita si uniscono al dolore dei familiari ed esprimono le più sentite condoglianze.