Roma. Badante picchia un’anziana invalida: arrestata dai Carabinieri

Tramite l’impianto di videosorveglianza i carabinieri hanno potuto constatare le violenze.
“E’ caduta da sola in casa e ha perso i sensi”. Questa la versione di una badante di 52 anni, che non ha convinto i Carabinieri della Stazione di Casal Palocco che, grazie alle indagini investigative ed al supporto dell’impianto di video sorveglianza, hanno fatto emergere una storia di violenza domestica arrestando così la badante violenta con le accuse di “maltrattamenti aggravati contro familiari o conviventi”.

La brutta vicenda ha avuto inizio all’Infernetto, nell’abitazione della vittima, una romana di 81 anni, invalida. Considerate le sue gravi condizioni, l’anziana, soccorsa dal personale medico arrivato in ambulanza, è stata successivamente trasportata all’ospedale San Camillo.

Un familiare dell’anziana, insospettito dalla ricostruzione della badante, è andato dai Carabinieri: nel corso degli accertamenti è emerso che il personale medico che aveva prestato i primi soccorsi alla vittima non ha confermato la compatibilità delle ferite riportate dalla povera donna con una semplice caduta.

Ad inchiodare la badante alle sue responsabilità, infine, sono state le immagini dell’impianto di videosorveglianza installato nell’abitazione dell’Infernetto: i carabinieri hanno potuto così ricostruire i drammatici fatti della giornata, accertando che la donna, in un eccesso d’ira, aveva ripetutamente colpito con schiaffi e gomitate l’81enne facendola cadere dal letto e lasciandola a terra, in stato di incoscienza per circa un’ora, prima di allertare i soccorsi.

La 52enne è stata arrestata e rinchiusa nel carcere di Rebibbia, l’anziana vittima è tutt’ora ricoverata in ospedale in prognosi riservata.