Anzio. Rifondazione manifesta in piazza contro le biogas

Rifondazione comunista in piazza ad Anzio per protestare contro le biogas e per un ciclo dei rifiuti sottratto al profitto privato e alla mala politica.

È durata dalle 10.00 del mattina fino alla sera di domenica la mobilitazione del Prc di Anzio contro la costruzione delle centrali di biogas e per la creazione di un polo dei rifiuti nella nostra città. Numerosi cittadini si sono informati su questo tema, accoglienso con favore l’obiettivo dei comunisti di Anzio a riguardo: la creazione di un ampio movimento cittadino che si batta per lo stop delle biogas e del centro di stoccaggio di Padiglione e parallelanente si arrivi ad una vera differenziata all’interno di un ciclo dei rifiuti nuovamente pubblico, sottratto ad ogni logica speculativa, controllato da cittadini e lavoratori.
“L’amministrazione De Angelis – fanno sapere da Rifondazione- aveva promesso in campagna elettorale di fare il possibile per fermare gli impianti autorizzati dalla giunta Bruschini/Placidi, ma finora è del tutto o quasi prona al gruppo di interessi che invece spinge fortemente per il loro completamento, in barba ai molti cittadini presenti in quella zona, la presenza di una scuola materna ed elementare, il possibile inquinamento delle falde acquifere, la presenza di aziende agricole ed alimentari. La logica del profitto e la mancanza di trasparenza è alla base della devastazione del territorio anziate, il Sindaco dia un segnale in controtendenza: chieda il riesame della autorizzazione della centrale di biogas in costruzione e blocchi definitivamente gli altri impianti. Si tratta di opere impattanti, e inquinanti, tutt’altro che ecologicamente sostenibili, basta vedere le numerose denunce da parte dei medici dell’Isde”.
Al presidio si è affacciato anche il consigliere comunale Luca Brignone a cui il Prc ha rinnovato la solidarietà per i duri attacchi ricevuti dal sindaco De Angelis, e che guarda con favore la creazione di mobilitazioni unitarie su questi temi.