Nettuno. Dalla Regione 300 mila euro di contributo per riqualificare il Borgo Medievale

Con la determina n. 109 datata 06/02/2019 del settore Lavori Pubblici del Comune di Nettuno, si da il via alla procedura d’appalto per la sistemazione delle strade e dei servizi del Borgo medievale di Nettuno. Entro cinque mesi dovranno iniziare il lavori.

” Vista la delibera del Commissario Straordinario, con i poteri di G.C. N. 27 del 03.07.2018- si legge nella determina– con il quale è stato approvato il progetto ESECUTIVO redatto dall’Arch. Francesca Mazzocchi, per i lavori di “RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA M. COLONNA, VIA DEL QUARTIERE E STRADE LIMITROFE – II° LOTTO FUNZIONALE”, per l’importo complessivo di € 400.000,00, completo di elaborati. Vista la nota PEC prot.n. 4783 pervenuta in data 17.01.2019, con la quale la Regione Lazio, ha comunicato l’ammissione al contributo regionale di € 317.000,00 (pari al 79,25% della spesa ritenuta ammissibile di € 400.000,00), nella quale, tra le altre cose, si evidenzia che i lavori di che trattasi dovranno iniziare entro 5 mesi dalla comunicazione stessa – entro il (17/06/2019); Preso atto che trattandosi di lavori aventi una base d’asta superiore a € 150.000,00 ed inferiore a € 1.000.000, ai sensi dall’art. 37 commi 1-3 del D,Lgs 50/2016, la procedura d’appalto sarà gestita dalla Stazione Unica Appaltante della Città Metropolitana di Roma Capitale, in virtù della convenzione a cui il Comune di Nettuno ha aderito con DCC n. 64 del 29/12/2016; Ritenuto:
• di procedere all’appalto dei suindicati lavori mediante procedura negoziata previa consultazione, ove esistenti, di almeno dieci operatori economici individuati sulla base dell’elenco degli operatori economici della SUA ai sensi del D.Lgs. 50/2016, in virtù anche dell’art.1 comma 912 della legge 30 dicembre 2018, n. 145;
• di individuare la migliore offerta con il con il criterio dell’offerta economicamente più
vantaggiosa, sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, ai sensi dell’art. 95, comma 2 del D.lgs. n. 50/2016 da valutarsi, da parte della Commissione Giudicatrice, sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo”.