Anzio. La Giannino attacca Ierace e la polizia locale

La riqualificazione del bene pubblico “Villa Angelita” continua ad animare il dibattito politico. Il consigliere del Pd gruppo Piazza Grande Lina Giannino, ieri in assise cittadina ha lanciato accuse gravissime nei confronti del dirigente della Polizia Locale Sergio Ierace.

Secondo la Dem, il comandante a cui l’ex Sindaco Luciano Bruschini ha affidato la dirigenza dei lavori dell’ex commissariato, perché i preventivi presentati da alcuni interni del comune, era troppo alti per le casse comunali, ha adottato “una procedura inusuale e fuori norma a cui si aggiunge lo spacchettamento artificioso dell’opera privo di un progetto iniziale”. Per tutti questi motivi la Giannino chiede la rimozione del dirigente dai lavori del commissariato, già rimosso di suo, perché giunti al termine da diverso tempo e non fa nessuna menzione sul Responsabile Unico del Procedimento Maurizio Perica, che si è occupato di supervisionare i lavori.

Inoltre con grande stupore dei cittadini, chiede che Ierace ed il suo corpo si occupi di viabilità di traffico invece di arresti di pedofili, tutela dei minori e riconoscimenti ANCI conferiti alla polizia locale per il suo operato, un pensiero molto personale che attacca tutto il corpo, in netta contrapposizione a quelle che sono le competenze previste dalla leggi Regionali, dello Stato e dal protocollo istituzionale firmato da 30 sindaci, che conferisce anche questi poteri al corpo della polizia locale, come in tutte le moderne città.

La Giannino riassumendo chiede un depotenziamento della polizia locale e di non rinnovare il comandante Sergio Ierace.

A risponderle in maniera concitata il consigliere azzurro Marco Maranesi, ritenendo le accuse lanciate prive di fondamento. La polizia presente in consiglio sentendo le affermazioni della Giannino, si è avvicinata ai banchi chiedendole i documenti che attestassero le sue affermazioni e verrà convocata in commissariato per risponderne.

Nel frattempo il Sindaco De Angelis non riconoscendo gli agenti che erano in borghese, ha reagito interrompendo il consiglio per una manciata di minuti. Abbiamo contattato il comandante della polizia locale in merito che ha respinto ogni accusa della Giannino, annunciando il possibile avvio di provvedimenti legali:

“Ho avuto già modo di rispondere a tali accuse quando furono mosse in passato dal consigliere Giannino che in una conferenza stampa, aveva presentato dietro sua ammissione successiva dei conti sbagliati. Acquisirò quanto è stato detto in consiglio comunale e vedrò di procedere secondo quello che prevede la norma, per ciò che è stato dichiarato contro la mia persona.”

Il sindaco Candido De Angelis sulla questione, ha dato piena fiducia al comandante Ierace e approverà una delibera per l’assunzione a tempo determinato e indeterminato di circa trenta unità per potenziare la Polizia locale che è fortemente sotto organico, riservandosi di studiare l’interrogazione presentata.

In questo clima di alta tensione è stato dato il benvenuto alla nuova consigliera di Fratelli d’Italia Federica De Angelis, che ha preso il posto del nuovo assessore alle politiche sociali Velia Fontana.

LdB