Piano protezione civile, M5S sollecita l’adozione nel comune di Anzio

Il capogruppo M5S ad Anzio, Rita Pollastrini, sollecita l’adozione del piano di protezione civile.

“La legge 100 del 12/07/2012 ha istituito l’obbligo per i Comuni di dotarsi di un Piano Di Protezione Civile.( o Piano di Emergenza Comunale)
Il Piano è un supporto al Sindaco per poter gestire ogni emergenza in modo efficace perché permette di conoscere tutte le vulnerabilità del territorio e gli strumenti per affrontarle; deve tenere conto di quali eventi calamitosi possono, in maniera ragionevole, colpire il territorio, individuare le strutture e i servizi coinvolti, assegnare le responsabilità nella catena di comando e deve inoltre permettere ai cittadini di individuare con facilità il tipo di rischio, le vie di fuga, i luoghi di riunione.
Il Piano viene redatto su dati scientifici sullo stato effettivo di rischio del territorio ( rischio terremoti, rischio idrogeologico, rischio chimico, più o meno elevati)
Il Sindaco è l’autorità comunale di Protezione Civile, e in caso di calamità assume tutte le responsabilità delle attività di emergenza indirizzate alla salvaguardia della vita umana.
Nel Lazio il 97% dei Comuni si è dotato del Piano di Protezione Civile. Tra questi non è presente il Comune di Anzio, nonostante in qualche cassetto dovrebbe giacere una bozza redatta alcuni anni fa dalla Polizia Locale.
Visto che la Commissione Politiche Sociali di cui sono membro ha la competenza anche in materia di Protezione Civile , ho espresso la necessità di sollecitare la stesura del Piano, cosa su cui tutti i membri della Commissione si sono trovati concordi.
Il M5S chiede che il Comune di Anzio si doti finalmente di questo importante oltreche’ obbligatorio strumento di sicurezza dei cittadini”.