Home Lettere e Opinioni Aprilia. Rizzuto, Porcelli, Ragusa: Mercatini di Natale senza barriere antintrusione

Aprilia. Rizzuto, Porcelli, Ragusa: Mercatini di Natale senza barriere antintrusione

0
Aprilia. Rizzuto, Porcelli, Ragusa: Mercatini di Natale senza barriere antintrusione

“Come negli scorsi giorni festivi dal 5 dicembre anche ieri, domenica 19, si è tenuta per le vie del centro apriliano il mercatino di Natale con le consuete bancarelle e manifestazioni. La manifestazione di quest’anno si deve attenere al rispetto delle norme di prevenzione del contagio e diffusione del covid-19, ma ciò non esclude l’attuazione delle altre norme previste per le manifestazioni all’aperto, come ad esempio le direttive del Ministero dell’Interno inerenti le misure e i modelli organizzativi e procedurali da adottare nella gestione delle pubbliche manifestazioni per garantire alti livelli di sicurezza. In tutte le direttive del Ministero si tengono in considerazione sia Il sistema a tutela dell’incolumità delle persone (safety), che dell’ordine e della sicurezza (security). Le circolari del Ministero, che si sono succedute nel tempo, da quel 2016, quando avvennero gli attentati terroristici di Berlino e Nizza, hanno sempre previsto l’adozione di impedimenti fisici al transito di veicoli nelle aree interessate al concentramento e all’accesso degli spettatori. Le Questure e le Prefetture, all’interno dei Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica, nell’ambito dell’organizzazione degli eventi pubblici, hanno fornito precise prescrizioni in merito all’obbligo di adottare, quali impedimenti fisici al transito dei veicoli, i c.d. new jersey di cemento, o comunque barriere similari, a difesa delle aree pedonali, e di altre zone sensibili, per scongiurare altri attacchi terroristici con l’utilizzo di autoveicoli o autocarri per travolgere la folla. Ultimamente nelle notizie di cronaca, purtroppo, abbiamo anche appreso di auto che sono piombate sulle folle. Tornando ai mercatini apriliani, sia ieri che la domenica precedente, almeno agli ingressi di via dei Mille e via Giovanni XXIII, non abbiamo notato le previste barriere antintrusione, atte a costituire impedimento materiale al transito nelle aree dedicate ai pedoni, ma erano presenti solamente delle semplici transenne, abbiamo commesso una svista o non sono più previste protezioni a salvaguardia dei frequentatori delle manifestazioni all’aperto? Vorremmo sensibilizzare gli “organizzatori” ad una maggiore attenzione sulla “sicurezza passiva” dei frequentatori delle manifestazioni all’aperto”.

Rosalba Rizzuto per Aprilia Libera
Carmen Porcelli per La Città degli Alberi
Andrea Ragusa per Grillini Apriliani – Cittadini Pentastellati