Fabio Castaldi, con i Pink Floyd Legend, ricorda Anzio e canta “Two Suns in the Sunset”

18 febbraio 2014, il bassista e leader dei Pink Floyd, Roger Waters, nella Casa Comunale di Villa Corsini Sarsina, riceve la Cittadinanza Onoraria di Anzio, in ricordo di suo padre, l’ufficiale britannico, Eric Fletcher Waters, sbarcato ad Anzio nel 44 e disperso nelle paludi della guerra, il 18 febbraio 1944.

Il 18 febbraio 2014, nel giorno di Roger Waters ad Anzio, il leader dei Pink Floyd Legend, Fabio Castaldi, insieme ad una rappresentanza del gruppo, in una Villa Corsini Sarsina colma di emozione, si esibisce in una music session di altissimo livello e canta “Two Suns in The Sunset”.

Ieri sera, 8 aprile 2020, con la pandemia in corso, un “immenso” Fabio Castaldi, nella sua abitazione imbraccia la chitarra, ricordando quel 18 febbraio 2014 ad Anzio e per la seconda volta nella sua vita, virtualmente insieme al suo gruppo, torna ad intonare le intense note watersiane di “Two Suns in The Sunset”.

Lo scorso anno i Pink Floyd Legend, protagonisti anche all’Ariston di Sanremo e nelle location più importanti d’Italia, da quel 18 febbraio 2014, legatissimi alla Città di Anzio, avevano aperto, con un clamoroso successo di pubblico, gli eventi di AnzioEstateBlu2019, pianificati dall’Amministrazione De Angelis.

Ecco la significativa traduzione “Two Suns in The Sunset”:

Due Soli al Tramonto

Nel mio specchietto retrovisore
il sole sta tramontando,
annega dietro i ponti della strada,
e io penso a tutte le belle cose che non abbiamo fatto.
E ho delle premonizioni.
Sospetti che confermano
l’olocausto che sta per arrivare.
Il fil di ferro che trattiene il tappo,
che tiene dentro la rabbia, salta.
E all’improvviso è di nuovo giorno.
Il sole si trova a est,
anche se il giorno è ormai finito,
ci sono due soli nel tramonto.
Hmmmm.
Può darsi che la razza umana sia alla fine.
Come nell’istante in cui freni
e scivoli contro il grande autocarro.
La tua paura prolunga quei gelidi attimi,
e non sentirai mai le loro voci,
e non vedrai mai i loro volti.
Non puoi più ricorrere alla legge.
E mentre il parabrezza si scioglie,
le mie lacrime evaporano,
lasciando solo carbone da difendere.
Alla fine capisco, ciò che pochi provano.
Diamanti e ceneri.
Amico e nemico.
Siamo tutti uguali alla fine.

Anzio, 9 aprile 2020