Anzio, il cimitero terra di nessuno. Giannino: “Servono telecamere”

“Già dal mio primo insediamento in consiglio comunale chiesi al Sindaco il perché il Cimitero di Anzio versasse in uno stato di abbandono. Mi risposero che c era carenza di personale. Ora a distanza di mesi ripropongo il problema.Prima l’incuria degli spazi,poi la carenza di personale per la inumazione dei defunti ed ora i furti.

I cittadini sono stanchi di vedere violata la sacralità del luogo. Furti di fiori,di piante,di lampade e finanche di giochi destinati a bimbi deceduti. Come fa una Amministrazione a rimanere muta dinanzi a tale richieste? Chiediamo al Sindaco un servizio di vigilanza da effettuarsi per tutto il tempo di apertura da effettuarsi o con un istituto di vigilanza o con apposizione di telecamere posizionate anche all’esterno. Non si può pensare di abbandonare i nostri defunti a tale sacrilegio”.

Lo dichiara in una nota il consigliere del Pd di Anzio, Lina Giannino.