Del Giaccio incontra i cittadini di via della Fonderia: “Sono esasperati, con loro ho preso un impegno”

La Giunta Itinerante è uno dei punti fermi del programma di Giovanni Del Giaccio, un incontro mensile nei quartieri. “Per essere il sindaco di Un’altra città è fondamentale avere un rapporto chiaro con i cittadini e noi da questo partiamo ma con l’idea che sono proprio loro al centro dialogo – spiega Giovanni Del Giaccio candidato a sindaco di Anzio con la lista “Un’altra città” e appoggiato dalla lista “PD Del Giaccio Sindaco” – Insieme ai miei candidati ho incontrato alcuni residenti di via della Fonderia, a Lavinio Stazione, alcuni di questi miei concittadini dall’inizio degli anni ’90 segnalano inutilmente problemi al Comune di Anzio. Erano sindaci prima Luciano Bruschini e poi Candido De Angelis. La situazione all’incrocio con via dell’Armellino, ad esempio, è ancora irrisolta e quindi, tra buche e allagamenti, si sono rivelati una presa in giro i lavori effettuati dall’ex assessore Alberto Alessandroni (ora candidato con De Angelis), mentre la pulizia e la sicurezza della strada sono inesistenti”.

L’amministrazione deve ascoltare i cittadini e fare tesoro delle proprie istanze e Giovanni Del Giaccio ha spiegato e sottolineato questo argomento oltre al Bilancio Partecipato, che consiste nel far gestire ai cittadini delle risorse come previsto per legge, il Diritto di Tribuna, dar loro la possibilità di partecipare al consiglio comunale per presentare proposte e far rilevare delle criticità, oltre alla Giunta Itinerante, l’incontro mensile nei quartieri per spiegare quello si sta facendo e recepire le istanze della gente che ci vive.

“In strada ho visto gente delusa ed esasperata con la quale ho preso un impegno – aggiunte il candidato sindaco Giovanni Del Giaccio – Effettuare subito la pulizia, garantire la sicurezza attraverso limiti di velocità e attraversamenti pedonali rialzati. Sul resto lavoreremo nel medio periodo, servirà rivedere la situazione della rete fognaria. Uno è l’impegno principale: la giunta itinerante, tornare ogni mese a incontrare i cittadini, spiegare loro le cose fatte, quelle in programma e ascoltare le loro necessità. L’ho scritto nel programma e lo farò”